di Santa Scioscio -*

“LOVE ON THE SKIN” Arte, moda e dialoghi dal mondo
L’enigma della Bellezza in una mostra e in un convegno
a cura di Helene Blignaut e Marina Corazziari.

Sud Africa, Palestina, Montenegro, Madagascar, Francia, Italia. Culture e luoghi diversi raccontati attraverso la testimonianza dei creatori di moda e le riflessioni di chi, della moda, fa motivo di studio e di ricerca teorica. È questo “LOVE ON THE SKIN. Arte, moda e dialoghi dal mondo” iniziativa a cura di Helene Blignaut e Marina Corazziari, aperta da un incontro, tenutosi a Bari lo scorso lunedì 30 ottobre, nella Sala degli Affreschi dell’Ateneo Aldo Moro.
Un invito a travalicare i confini e a “viaggiare” in cerca del genius loci custodito nell’intimità dei luoghi, dove abita il “bello”, l’autenticità, l’essenza unica e diversa per ogni Paese.
Un appello, quello dell’antropologa Helene Blignaut, a recuperare lo stupore nel guardare e a rispettare la natura e l’identità di ogni diversità.
Il“bello” esiste, è tangibile, è prossimo, vicino, intimo “territorio interiore”, se solo lo abitassimo consapevoli ognuno della propria singolarità. L’abbigliamento è verità se dice chi siamo, se è amore per sè stessi.
“La bellezza risiede tanto nell’occhio quanto, e soprattutto, nel cuore dell’osservatore”, ha sottolineato nel suo intervento Andrijana Popovic, convinta sostenitrice dell’“empatia estetica”. La psicologa della moda ci conduce nel viaggio emozionale che muove verso la creazione di uno stile strettamente legato alla cultura, disegno stesso delle possibili “memorie del futuro”.
I creatori di moda contemporanei – quelli che operano nel rispetto della propria integrità e autonomia creativa – danno abito all’autenticità. La loro ricerca è mossa dalla conoscenza profonda della propria tradizione culturale e di quella con cui si confrontano; sono testimoni e interpreti della “tradizione” attraverso cui coniugano il senso della “verità” con il futuro. Un invito alla “resistenza”, alla “sostenibilità”, consapevoli che un popolo perde la sua cultura se dimentica (e se è dimenticata) dai suoi artisti.

Love on the skin” mostra – fino al 7 novembre nelle sale dell’Ateneo di Bari – abiti e gioielli da indossare per “essere”; l’“amore sulla pelle”, declina un vero e proprio linguaggio fatto di “segni” che superano la superficialità e vanno in fondo all’anima. La pelle, nell’atto dell’indossare è a diretto contatto con l’abito e con il gioiello, lo accoglie instaurando con essi una relazione profonda, spiccatamente identitaria, un momento d’amore che da sé muove all’incontro con l’altro.

In Mostra il valore del confronto fra i creatori:

Marina Corazziari – Jewels Designer- Italia;
Jamal Taslaq – Stilista Altamoda – Palestina;
Massimo Crivelli – Stilista Altamoda – Italia;
Maria Laura Joamatana – Stilista – Francia
Fotografie Sguardi dal Mondo di Oronzo Scelzi
Dipinti  Religions for Beginners di Guido Corazziari

* Santa Scioscio, Calcagnile Academy – Lecce